Twitter Facebook Youtube

Supermoto of Nations – Cremona

SILVER MEDAL – San Martino del Lago – 12 Ottobre

 

Il Team L30 Racing e la nazionale Italiana conquistano un prestigioso secondo posto al trofeo delle Nazioni svoltosi domenica 12 sul bellissimo tracciato di San Martino del Lago.

 

Dopo la vittoria nella passata stagione ci si aspettava l’ennesima riconferma, ma questa volta i nostri Lazzarini, Ravaglia e Borella, nonostante delle gare corse tutte con grinta e determinazione, non hanno potuto niente contro una Francia fortissima che ha schierato il neo campione del mondo Thomas Chareyre, il fratello Adrien e Sylvain Bidart. Ad aiutare ulteriormente i transalpini ci si è messo anche il circuito velocissimo che ha avvantaggiato la Tm e l’Aprilia ufficiale dei due fratelli.

 

Il nostro Ivan ha corso come sempre dando il massimo nonostante lo stop di un mese per curare una fastidiosa polmonite che lo ha colpito subito dopo l’ultimo GP di Jesolo. In Gara1 è partito secondo e per tutta la gara è rimasto vicino a Thomas senza però trovare il varco giusto per il sorpasso. Ottima la prestazione del compagno di squadra Ravaglia che, partito dalle retrovie, è riuscito a concludere in quarta posizione.

 

In Gara2 è stata la volta di Ravaglia e Borella, che dopo una manche piena di sorpassi, terminano rispettivamente quinto e sesto.

 

Allo scattare della terza e decisiva manche ormai non rimane che sperare nel miracolo, i francesi sono in vantaggio di 5 lunghezze. Ivan scatta dalla prima fila e con una incredibile staccata alla prima curva prende l’holeshot e guida la gara per 7 giri portandosi dietro l’ombra minacciosa di Thomas. I due ingaggiano un bellissimo duello e dopo alcuni sorpassi che hanno infiammato il numeroso pubblico, concludono primo il francese e secondo Ivan. Borella dopo una bellissima rimonta scivola nel tentativo di superare Bidart e termina in sedicesima posizione. A fine gara la direzione decide di dare una penalità di un minuto a nove piloti per aver saltato in regime di bandiera gialla e tra questi ci sono anche il vincitore Thomas ed il nostro Ivan.

 

La classifica finale vede la Francia prima classificata, seconda l’Italia e terza la Germania.
Anche senza la squalifica il risultato non sarebbe cambiato e, nonostante il secondo posto lasci sempre l’amaro in bocca, abbiamo la consapevolezza di aver dato il massimo.